Veronica

Si sente spesso dire che il parto è il momento più bello della vita di una donna. Ecco, chi lo dice generalmente lo dice anni dopo, quando ormai ha dimenticato la paura, il senso di smarrimento e tutti i dubbi che accompagnano l’attesa del “lieto” evento. E se non dovessi fare in tempo ad arrivare in ospedale? E se non riconoscessi l’inizio del travaglio? E se qualcosa andasse storto? E vi risparmio le decine e decine di ulteriori paure, più o meno sensate, che mi hanno spinta a decidere di affidarmi ad una ostetrica. La verità è che, avendo già un’altra bimba, volevo godermi al cento per cento la mia seconda gravidanza, abbandonare tutti i timori ed affidarmi totalmente a chi sapevo sarebbe stato in grado di prendersi cura di me. Non volevo stress. Io mi sarei preoccupata solo della mia bimba e del mio pancione, lasciandomi accompagnare ed accudire dalla mia ostetrica, che si sarebbe accertata che tutto andasse nel migliore dei modi.

E così è stato: Stefania mi ha tenuta abbracciata da quando le ho chiesto di seguirmi sino a parecchie settimane dopo il parto. C’è stata sempre. Ha monitorato il mio pancione e sciolto ogni mio dubbio, mi ha persino aiutata a preparare Matilde all’arrivo del fratellino. E il suo tono dolce ha scandito i giorni sino alla nascita del piccolo. Ricordo ancora quella mattina in cui sono cominciate le contrazioni. Io sapevo che potevo contare sulla mia Stefi e non mi sono fatta prendere dal panico, come invece avrei fatto se fossi stata “sola”. Ho avvertito mio marito che probabilmente era arrivato il momento (ecco…lui si, si è fatto un po’ prendere dal panico) e ho chiamato Stefania che è arrivata a casa mia ed ha effettivamente constatato che era cominciato il travaglio.

Lei sapeva esattamente cosa stava accadendo e i tempi che sarebbero occorsi alla nascita del bimbo, così ci siamo sedute e ci siamo fatte un caffè prima di andare tranquillamente in ospedale. Umberto ci guardava incredulo, ricordo ancora la sua faccia quando ha detto “ok ragazze quando si passa da niente panico niente panico a OK PANICO?”. Siamo morte dal ridere!!! Il parto è filato liscio. E’ stato doloroso certo, ma non ho mai avuto paura. Mai. Sapevo che qualsiasi cosa sarebbe accaduta, Stefania l’avrebbe gestita al meglio. E così è stato. E la prima persona che ha preso in braccio Federico è stata lei.

Veronica Colombo